Museo Etnografico "Beniamino Tartaglia" di Aquilonia

Conciapiatti

Si recava presso le abitazioni dei clienti, in paese ed in campagna, per riparare piatti, terrine, zuppiere, vasi, giare e vasi da notte, lesionati o ridotti in pezzi, in cambio di cibo o prodotti della terra.
Fornito di trapano a corda, punteruolo – lesina, tenaglie, fil di ferro e mastice, rimetteva insieme, ricomponendo gli oggetti, i cocci di terracotta o i pezzi di scodelle di legno.
Nei minuscoli buchi praticati con il trapano e la lesina faceva passare un sottile filo di ferro, che torceva e serrava con le tenaglie.

 

Museo di Aquilonia