Museo Etnografico "Beniamino Tartaglia" di Aquilonia

Emigrazione

Ad andarsene furono in tanti alla fine del secolo scorso, diretti verso le Americhe, incidendo profondamente sulla vita sociale e sulla storia del nostro territorio. Chi partiva era spinto dalla disperazione; e la partenza costituiva quasi sempre uno sradicamento totale: o si faceva raggiungere a breve dalla famiglia o la portava già con sé.
Le cause erano molteplici: la disoccupazione elevatissima, il sovrappopolamento, i salari bassissimi, la miseria, la sottoalimentazione, la fame, le abitazioni insufficienti e malsane, l’imposizione fiscale sproporzionata e l’impossibilità di riscattare le terre assegnate con la quotizzazione. L’emigrazione era un modo per non rassegnarsi e per cercare un’alternativa.
L’emigrazione transalpina ebbe inizio tra la fine degli anni Trenta e l’inizio degli anni Quaranta, per le offerte di lavoro che venivano dalla Germania, nostra alleata.

 

Museo di Aquilonia