Museo Etnografico "Beniamino Tartaglia" di Aquilonia

Vasaio

Sincronizzando i movimenti di mani e piedi, lavorando quasi sempre di tornio in un locale aperto ma al riparo dalle intemperie e manipolando un impasto argilloso molto duttile, produceva vasellame, a volte con esiti artistici di rilievo: pignatte, tegami, vasi da notte, vasi e giare per olio.
L’argilla e le vernici erano la materia prima; il tornio, del filo di ferro, le spatole, un punteruolo per graffiti e pennelli vari, gli strumenti di lavoro.
L’attività di vasaio, che richiede metodicità, diligenza e maestria, è ancora ampiamente praticata.

 

Museo di Aquilonia